passa al contenuto principale

Cartoline e foto requisite a Giuseppina Salata in Prospero, internata a Raschala, e a Giovanna Salata in Bracco, già internata a Mittergraben

Collocazione: ASTS, Tribunale provinciale, Atti penali, b. 4855, Ns XIII 146

I corrispondenti sono compaesani di Neresine e Ossero, in parte arrestati allo scoppio della guerra con l’Italia e poi inquadrati in reggimenti militari o impiegati in squadre di lavoro (Pietro Bucaran, Elio Bracco, Giacomo Salata e Prospero Polonio), in parte rimasti nel paese d’origine (Elena Bracco)

Torna su