passa al contenuto principale

venerdì 04 giugno 1915

La conquista della città di Przemyśl: La città di Przemyśl, che era stata costretta ad arrendersi ai russi “dopo aver tenuto testa al nemico con estremo sacrificio”, è riconquistata “con le armi, non già con la fame”. Il suo ritorno agli Imperi centrali è accolto con manifestazioni di esultanza in tutto l'Impero.
[La fortezza era stata l'unica postazione a resistere ai russi che, dopo la battaglia di Galizia, erano dilagati in direzione dei Carpazi fino a minacciare la Slesia. La città aveva subito un lungo assedio e, presa per fame, era stata costretta a capitolare il 22 marzo 1915.]
La “vituperevole bassezza” dell'Italia: Prosegue la propaganda contro l'entrata in guerra dell'Italia, biasimata persino dai propri alleati. Un aviatore russo fatto prigioniero commenta “…condanno come immorale il contegno dell'Italia verso l'Austria-Ungheria e devo dichiararlo una vituperevole bassezza”.
Assistenza per donne sole: La Società per la protezione della giovane è a disposizione delle “donne rimaste sole ed isolate” bisognose “di informazioni, di consigli, di assistenza, di scritturazioni”, per lenire i vuoti che la guerra sta aprendo nelle famiglie.

Download

PDF Osservatore Triestino PDF Triester Tagblatt

Link addizionali

Wiener Zeitung Il Resto del Carlino Altra rassegna stampa

Altri articoli

Torna su