passa al contenuto principale

mercoledì 06 febbraio 1918

Le trattative di Brest-Litovsk: Il delegato russo Trockij ha dichiarato di riconoscere pienamente l'indipendenza della Polonia, ma ha espresso la sua contrarietà nei confronti del suo attuale governo. Il conte Czernin, il rappresentante del nostro Stato alle trattative, ha risposto al Trockij che non è opportuno discutere in una conferenza di pace se un governo è legittimo o meno, ma che lo scopo principale delle trattative invece è giungere il prima possibile alla pace tra la Russia e gli Imperi Centrali.
Nuovi marescialli di campo: Sua Maestà l'Imperatore ha nominato marescialli di campo i colonnelli generali baroni Edoardo de Bohm-Ermolli e Svetozar Boroevic de Bojna. De Bohm-Ermolli nel 1915, dopo lo sfondamento in Galizia, è coraggiosamente riuscito con le sue truppe a conquistare la città di Leopoli. Il nome di Svetozar Boroevic invece è legato alla gloriosa difesa dei Carpazi e all'esito vittorioso delle undici battaglie dell'Isonzo, dove riuscì sempre con le sue truppe a respingere l'impetuosa avanzata del nemico italiano anche grazie alla sua grande abilità strategica.
Pastorale di monsignor Vescovo: All'affacciarsi della Quaresima il vescovo della nostra città monsignor Dr. Andrea Karlin ha rivolto una Pastorale, ovvero una lettera speciale, ai fedeli della nostra diocesi. Il vescovo, nella lettera, ha fanno notare come nonostante tutti domandino la pace l'umanità a causa dei suoi molti e gravi peccati non è ancora degna di una simile grazia. Il vescovo inoltre ha sottolineato come la guerra combattuta dall'Austria contro i governi alleati è giusta e legittima e che le vittorie sono dovute alla grande fede in Cristo dei nostri soldati.

Download

PDF Osservatore Triestino

Link addizionali

Wiener Zeitung Il Resto del Carlino

Altri articoli

Torna su