passa al contenuto principale

mercoledì 02 giugno 1915

“L'enorme spergiuro e tradimento dell'Italia”: Il Libro Rosso austro-ungarico del Ministero degli esteri riassume le tappe dell'ambigua politica italiana dallo scoppio della guerra: neutralità prima assoluta e poi “vigile e armata”, corsa agli armamenti, mire espansionistiche, interpretazione capziosa dei trattati e un “continuo civettare con la triplice intesa”.
Repressione delle proteste a Milano: Manifestazioni di protesta in Italia dopo l'entrata in guerra: a Milano “le truppe non resteranno più passivo bersaglio agli scherni e ai mali trattamenti dei rivoltosi” ma “hanno l'ordine di far uso delle armi e di tirare sul serio”.
Prestito di guerra: “precetto di onore, di coscienza e di autoconservazione”: Numerose le sottoscrizioni del prestito di guerra, per cui giornalmente si rivolgono appelli alla popolazione.
Banche e imprese lasciano Trieste: Immediate le ricadute dell'entrata in guerra dell'Italia sull'economia triestina: la città, ormai prossima al fronte di guerra, viene abbandonata da banche e imprese, che trasferiscono le proprie filiali in territorio più sicuro.

Download

PDF Osservatore Triestino PDF Triester Tagblatt

Link addizionali

Wiener Zeitung Il Resto del Carlino Altra rassegna stampa

Altri articoli

Torna su