passa al contenuto principale

martedì 11 maggio 1915

L'i.r. Luogotenenza ha fissato i prezzi massimi per la vendita al dettaglio delle seguenti specie di pesce del golfo triestino: sardella, papalina, sardoni, passera (passerini o bollettini e passere medie), menola, sgombro, lanzardo, guatto (guatto giallo piccolo e guatto medio e nero di grotta, cevolo (eccettuato volpina). Fra i molluschi: sepa (seppia senza osso). Seguono disposizioni sul trasporto dell' intero pescato unicamente alla Pescheria nuova e, solo in seguito, presso le pescherie di S. Giacomo e di Piazza del Perugino.
Contro la meningite cerebro-spinale. Considerato l'aumento dei casi, è stato disposto l'isolamento dei sospetti e dei colpiti da tale "morbo" e date indicazioni sulle precauzioni sanitarie da osservare.
Il tempo. La prima metà del mese di maggio del 1915, che non a caso in Germania corrisponde alle ricorrenze dei Santi Servazio, Pancrazio e Bonifazio, detti "uomini geliferi", si caratterizza per temperature rigide, rispetto alla norma del periodo, per vento sostenuto e pioggia.
Società bagni popolari. Viene comunicato il numero di "bagni di prima e di seconda classe somministrati" nel mese di aprile dalla suddetta società, presso i suoi due stabilimenti di via A. Manzoni e di via P. Veronese.

Download

PDF Osservatore Triestino PDF Triester Tagblatt PDF Triester Zeitung

Link addizionali

Wiener Zeitung

Altri articoli

Torna su