passa al contenuto principale

domenica 25 luglio 1915

Comunicato italiano sulla guerra: Avviata l'offensiva in Cadore mentre in Carnia il fuoco dell'artiglieria continua a martellare efficacemente le fortificazioni nemiche. Sull'Isonzo la battaglia torna a farsi violenta. Sul Carso, il nemico (austro-ungarico) viene cacciato da qualche trincea. Fatti numerosi prigionieri e requisito un numero indeterminato di fucili e munizioni.
Saccheggi russi in Galizia: Dagli interrogatori dei prigionieri risulta pratica corrente che i russi nella loro ritirata, prima di abbandonare un villaggio, lo fanno evacuare dei suoi abitanti. Appena partiti gli abitanti i cosacchi irrompono dandosi al saccheggio ed alle ruberie, distruggendo quanto non possono prendere ed infine dando tutto alle fiamme.
Situazione malattie infettive a Trieste: L'Ultimo bollettino rileva che le malattie da infezione restano stazionarie. Il magistrato raccomanda di prendere comunque tutte le precauzioni. Mangiare cibi cotti e non bere latte non bollito. L'acqua di Aurisina è costantemente controllata mentre quella dei pozzi è quasi sempre infetta. S'invita la cittadinanza a combattere le mosche e altri insetti portatori di malattie. Non insudiciare le strade con escrementi e sputi. Nella settimana trascorsa si registrano 11 casi di difterite e 16 casi di febbre tifoidea.

Download

PDF Osservatore Triestino PDF Triester Tagblatt

Link addizionali

Wiener Zeitung Il Resto del Carlino Altra rassegna stampa

Altri articoli

Torna su